Grafica di Giuseppe Montalbano, copertina di un libro di Enzo Porrello

ServireSciacca vorrebbe che il titolo fosse una già una notizia, invece è al momento solo una nostra proposta.

Perché non organizzare, anche con una finalità di attrattiva turistica, una “Sera delle Lampare”, nel cuore dell’estate saccense?

Facendone il momento magico e conclusivo di un’intera giornata sul modello di una “Sagra del mare” totalmente dedicata alle tradizioni del mare e della pesca della marineria di Sciacca, con una grande festa che coinvolga il quartiere della Marina, i vicoli e le scalinate che salgono verso il centro storico, il quartiere Marinai, nella quale dare ampio spazio alla vendita e assaggi di nostri prodotti tipici e tradizionali, a partire dalle acciughe e dalle sarde che con le lampare vengono pescate, e a finire con tutti i variegati aspetti culturali e poetici che hanno per protagonista la storia, il mondo e le tradizioni dei nostri pescatori sciacchitani.

E poi, alla fine della giornata, eccole lì le lampare che escono dal porto in processione con le loro lanterne che illuminano a giorno il mare, spettacolo di una bellezza infinita che può comprendere e ricordare solo chi ha avuto la possibilità di assistervi dal vivo, quando tanti anni fa le lampare uscivano ogni sera dal porto di Sciacca a traino del peschereccio e con le loro luci a petrolio già funzionanti per andare a caccia di sardelle.

Ne abbiamo già parlato con uno dei presidenti delle tre cooperative di pescatori, si è detto entusiasta dell’idea e ci ha confermato che potrebbe essere del tutto fattibile, con le lampare di oggi non funzionano più a petrolio.

Questa è una idea è una proposta che ServireSciacca mette a disposizione della nuova amministrazione, confidando che venga presa in considerazione con la dovuta attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.