Il prossimo 18 settembre ricorre la XV giornata nazionale della SLA, la terribile malattia autoimmune che ancora oggi non conosce cura.

La consigliera comunale Avv. Carmela Santangelo, nella sua qualità di socio della fondazione AISLA (associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica) e figlia di quel prof. Enzo Santangelo che da tantissimi anni è malato di SLA e che con lo strumento facebook continua a dare testimonianza della sua acutezza intellettuale, ha voluto pubblicamente ringraziare l’Amministrazione Comunale, e in particolare l’Assessore Salvino Patti, per avere accolto la richiesta di illuminazione di un monumento significativo della città di Sciacca con il colore verde, simbolo di speranza contro questa devastante malattia ancora oggi incurabile.
Un piccolo gesto, quello della illuminazione, che però vuole e può infondere coraggio e manifestare affettuosa solidarietà a tutte le persone che ne sono colpite e anche alle loro famiglie, che entrano in una dimensione di vita totalmente diversa dalla quotidiana normalità.
Porta Palermo dal 14 al 18 settembre sarà illuminata di verde proprio allo scopo di sensibilizzare la gente che ancora ad oggi sconosce la SLA o sa assai poco su di essa, ma soprattutto per far sentire la vicinanza della cittadinanza a coloro che ne soffrono e ai loro cari, che si sentono inevitabilmente dimenticati.
L’associazione AISLA offre alle persone affette da SLA e ai loro familiari tutele, consigli, supporto, affinché l’ammalato possa sentirsi ancora integrato nella società.

ServireSciacca rivolge un affettuoso saluto a Enzo Santangelo e a chi come Lui sta affrontando con indomito coraggio questa assai dolorosa e paralizzante esperienza di vita.

P.S. Lo stesso Enzo Santangelo ci ha fatto pervenire il seguente commento con il quale integriamo il nostro articolo. Grazie Enzo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.