Come era fortemente atteso, si replica lo spettacolo teatrale di Alfonso Veneroso e il suo “Cicerone e i Siciliani contro Verre”.

Dopo il grande successo e il tutto esaurito della prima rappresentazione gratuita di agosto nell’atrio inferiore del palazzo Municipale di Sciacca, in sinergia con le Orestiadi di Gibellina, l’attore professionista saccense ritorna a gran richiesta sulla scena cittadina con questo suo lavoro che si traduce in un emozionante e trascinante monologo, nel quale racconta lo scenario storico e poi l’arringa processuale di Cicerone contro Verre in difesa del popolo siciliano, e che Alfonso Veneroso ha tratto dalle Catilinaire di Cicerone.

Alfonso Veneroso è un affermato attore di teatro classico, che da giovane ha lasciato Sciacca proprio per inseguire e sviluppare la sua grande passione per la recitazione. Suo padre, l’Avv. Primo Veneroso, è stato uno dei figli illustri della nostra città, contraddistinto non solo dalla sua nobiltà d’animo ma anche da una profondissima competenza e conoscenza in campo culturale e artistico. A lui Alfonso dedica alla fine la sua performance artistica, anche perché era stato proprio il padre a donargli il libro delle Catilinarie.

La superba interpretazione che Alfonso Veneroso fa di questo suo lavoro, che è stato portato con successo anche all’interno delle scuole è questa estate anche a Segesta,Selinunte e aTindari, è stata la maniera più bella per rincontrare il pubblico della propria città nativa, che ha così potuto riabbracciarlo e applaudirlo a lungo.

Questa è l’intervista che l’attore aveva concesso a ServireSciacca al momento della presentazione ufficiale.

Un pensiero su “ALFONSO VENEROSO REPLICA IL SUO CICERONE”
  1. Il testo di riferimento dovrebbe essere ” In Verrem” (quattro orazioni note come “”Verrine”) e non le Catilinarie contro Lucio Sergio Catilina. Brancato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.