All’alba di oggi uomini e mezzi della ditta Sea Bono hanno effettuato la bonifica periodica e straordinaria dell’area portuale.

Lo registriamo con favore e per pochi giorni, quindi, la situazione al porto tornerà ad essere quella di una città normale.

Per forza di cose, tuttavia, tra pochi giorni sulle banchine del porto torneranno a formarsi cumuli di rifiuti formati dagli scarti dei motopesca e della lavorazione del pesce, cui si aggiungono anche altri rifiuti portati da ogni parte della città.

La soluzione definitiva quindi non è certo quella delle bonifiche periodiche e straordinarie, bensì quella di un servizio di pulizia che sia fatto giornalmente, oppure quella del posizionamento sulle banchine portuali di grandi cassoni per rifiuti e con un servizio di prelevamento dei rifiuti almeno settimanale, se del caso con una modifica delle condizioni contrattuali del piano ARO.

E’ questa la richiesta che rivolgiamo in via di urgenza al Sindaco Valenti e all’Assessore Bacchi, competenti per materia.

LA NUOVA IMMAGINE ICONA DELLA CITTA’?

di Nino Porrello

Era l’immagine icona di Sciacca, la bellezza di una città affacciata sul mare e fotografata dalla banchina del porto. 

Anche oggi rimane un’immagine icona, ma del degrado in cui versa la città (guarda le foto, scattate oggi).

Ce ne eravamo già occupati nel mese di agosto, con l’articolo riportato di seguito, ma nulla è cambiato.

Oggi tuttavia altri giornali on line si soffermano su questa vergogna cittadina e quindi anche ServireSciacca ritorna sull’argomento, perché l’unione fa la forza.

Di chi la responsabilità? Di tutti gli operatori, di diverso genere, che agiscono e lavorano nella zona portuale, si potrebbe dire. Ma come e dove dovrebbero conferire i rifiuti, considerata anche la mancanza di cassonetti? Giornalmente con una moto ape nell’isola ecologica della Perriera? Alcuni lo fanno, i più avveduti e rispettosi, ma la maggior parte dei pescatori, dei commercianti e degli utenti privati utilizza il molo come una pattumiera.

Ma quello che fa di più “imbestialire” è che nessuno, a livello amministrativo, corra ai ripari con rimedi che siano continuativi ed efficaci. Il nulla.

L’imminente entrata in funzione dell’isola ecologica in zona portuale, finalmente affidata una ventina di giorni addietro all’aggiudicatario che dovrà gestirla, risolverà (?) solo parzialmente il problema, in quanto in essa potranno essere conferiti solo i cosiddetti rifiuti speciali.

L’unica soluzione radicale del problema ci appare soltanto quella di un’appendice al piano ARO con la quale sia previsto l’intervento quotidiano degli autocompattatori delle ditte a cui è affidata la pulizia della città, eventualmente con l’integrazione del ripristino di cassonetti industriali ove ciò occorra.

Qualcuno tra gli amministratori se ne sta occupando di ripristinare l’immagina icona della bellezza di Sciacca?

Ci risultano riunioni su riunioni, ma di concreto ancora nulla. Anzi no, di concreto c’è l’immagine del degrado.

Un pensiero su “PULIZIA STRAORDINARIA DELL’AREA PORTUALE, MA NON BASTA.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.